Ricorsi

Vademecum al ricorso per violazioni al Codice della Strada

Il ricorso è possibile ...se si ritiene di essere stati multati ingiustamente, ovviamente, il ricorso deve essere motivato da validi presupposti giuridici (errori formali e/o sostanziali quali cartelli inesistenti, dati errati, categorie aventi diritto a deroghe, etc.).
Le lamentele dovute a comportamenti del personale, non possono dare avvio al ricorso, ma possono essere inoltrate come reclami e contenere la descrizione dell'accaduto.


Tempi

Entro (pena la nullità del ricorso) 60 giorni  al Prefetto, 30 giorni al Giudice di Pace:

  • dalla contestazione effettuata personalmente al trasgressore;
  • dalla notifica presso la residenza/dimora/domicilio/domicilio legale dichiarato dall’interessato/ufficio postale, al proprietario del veicolo o altra persona obbligata per legge.

Se si è in possesso solo dell'avviso di accertamento lasciato sul parabrezza del veicolo, non è possibile ricorrere al Prefetto o al Giudice di Pace, ma bisogna attendere la notifica.


A chi fare ricorso

  • al Prefetto della Provincia in cui è stata commessa la violazione - per il Comune di Sumirago è il Prefetto di Varese - Piazza Libertà  (se il ricorso è respinto, sarà ingiunto il pagamento di una somma non inferiore al doppio della sanzione iniziale);
  • oppure al Giudice di Pace della località dove è avvenuta la violazione - per il Comune di Sumirago deve essere presentato agli uffici di Gallarate in Via Pegoraro n.28 (la sospensione del provvedimento impugnato non è automatica, ma segue solo ad espressa richiesta del ricorrente e conseguente eventuale decisione in tal senso da parte del Giudice). Il ricorso, contro il verbale relativo a violazione di norma del Codice della Strada, proposto al Giudice di Pace preclude la possibilità di ricorrere al Prefetto (e viceversa).
    A seguito della sentenza della Corte Costituzionale n.114 dell’8/4/2004 non si deve più pagare una cauzione all’atto del deposito del ricorso presso la Cancelleria del Giudice di Pace.
  • un ulteriore possibilità è quella di ricorrere al Comando di Polizia Locale. Non si tratta di un vero e proprio ricorso, ma di un invito all'ufficio che ha emanato l'atto a verificarne la validità.
    Può essere inoltrato unicamente per gli avvisi di accertamento lasciati sul parabrezza. Attenzione però, quest’ultima procedura, non interrompe i termini di pagamento pertanto, qualora la risposta del Comando di P.L. non arrivi entro i termini di scadenza, il pagamento dovrà essere effettuato; diversamente la sanzione diventerà esecutiva e verrà, a seconda dei casi, notificata oppure iscritta a ruolo

Chi può fare ricorso

Il conducente o il proprietario del mezzo o legale rappresentante di questi o esercente la potestà in caso di minore.


Come

Il ricorso deve essere presentato in carta semplice e deve contenere:

  • data di presentazione
  • estremi del verbale
  • generalità del ricorrente
  • dati identificativi completi del veicolo
  • indicazione chiara del motivo del contendere
  • copia di ogni documento utile a comprovare quanto asserito (es. copia del contrassegno di invalidità, copia della carta di circolazione laddove si asserisca che vi è discordanza tra modello e targa del mezzo, etc…)
  • firma in calce

- se si ricorre al Prefetto, può essere inviato tramite la Polizia Locale o direttamente al Prefetto (Piazza Libertà - Varese) , con raccomandata con avviso di ricevimento.

- se è presentato al Giudice di Pace può essere consegnato di persona presso la Cancelleria Civile  (GIUDICE DI PACE DI BUSTO ARSIZIO - Sezione di Gallarate - Viale Milano n.21 - Gallarate) o per via postale (modulo).
Con sentenza n. 98/2004 la Corte Costituzionale ha infatti dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 22 della legge 24/11/1981 n. 689 nella parte in cui non consente l’utilizzo del servizio postale per la proposizione dell’opposizione a sanzione amministrativa. Deve pertanto ritenersi ammissibile anche quest’ultimo mezzo per la presentazione del ricorso.

In caso di ricorso al Prefetto o al Giudice di Pace, non si deve mai effettuare il pagamento in misura ridotta della sanzione né prima né dopo la presentazione del ricorso e sino alla pronuncia dell'autorità in questione, pena l’inammissibilità del ricorso stesso. 

Ricerca

PEC

Posta elettronica certificata: 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Newsletter

Area riservata

Sportello lavoro

IUC